CERN sotto il Vulcano

(1 Vota)

In occasione della Notte Europea dei Ricercatori, il Centro Siciliano di Fisica Nucleare e Struttura della Materia in cooperazione con l’Università di Catania e l'INFN presenta "CERN sotto il Vulcano",  mostra fotografica-evento dedicata ai primi 60 anni di vita del CERN (Centro Europeo per la Ricerca Nucleare), con un occhio al ruolo che Catania con i suoi ricercatori riveste in questa realtà di eccellenza.

Attraverso circa 60 fotografie e diversi pannelli esplicativi, il visitatore avrà l'opportunità di ripercorrere i momenti salienti del più grande laboratorio di Fisica Fondamentale mai costruito, dalla sua fondazione nel 1954 fino ai nostri giorni con la messa in opera del potentissimo acceleratore LHC e dei suoi esperimenti.


L'inaugurazione prevista per il 30 Settembre alle ore 19:00 in Piazza Università a Catania, sarà preceduta da una presentazione della Mostra, nell'Aula Magna del Palazzo Centrale dell'Ateneo, alle ore 18:00.

Oltre l'esposizione fotografica, la serata inaugurale vedrà la presenza in Piazza Università, fino a notte fonda, di ricercatori dell'Università di Catania e dell'INFN, che lavorano da anni in tre dei sei esperimenti presenti a LHC: ALICE, CMS, autore dell'importantissima scoperta del Bosone di Higgs, e LHCf. Con parole semplici, esempi e video, i ricercatori illustreranno l’importanza del CERN e degli esperimenti che vi si svolgono e risponderanno alle curiosità dei visitatori, dando anche uno spaccato del significativo ruolo che la Città di Catania gioca in questo fondamentale e avanzatissimo settore della ricerca scientifica. Sarà un'occasione unica per conoscere da vicino il CERN e incontrare i ricercatori che lavorano lì da anni, parlare con loro e scoprire cosa fanno concretamente per la società in modo interattivo e coinvolgente.

La mostra fotografica sarà poi visitabile dal 1 al 10 Ottobre, nei giorni feriali, dalle ore 9:00 alle 20:00 nel chiostro del Palazzo Centrale dell'Ateneo di Catania.

L'evento è patrocinato dal Comune di Catania.

Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Letto 1313 volte
Condividi »